[ricerca]
Attivo in Polonia, Russia e a Dresda, legato da saldi rapporti con alcuni dei principali protagonisti della temperie neoclassicista in Polonia, Germania e Inghilterra, Brenna svolse un ruolo rilevante nella tramitazione della cultura neoclassica riferita ai modelli romani, e più in generale alla cultura architettonica italiana. La ricerca ha ricostruito un quadro complessivo dell’opera architettonica e decorativa di Vincenzo Brenna (1741-1817/20), mettendone in luce l’impatto sulla cultura estetica in Germania, Inghilterra, Polonia e Russia.

Partner: Museo dell’Ermitage (Dipartimento dell’Arte occidentale), San Pietroburgo; Museo-Castello Reale di Varsavia; Museo-residenza di Ostankino, Mosca; Museo-residenza di Pavlovsk; Istituto di Storia dell’arte dell’Accademia Polacca delle Scienze, Varsavia; Museo di Wilanow, Varsavia; Museo Nazionale di Varsavia; Biblioteca Universitaria di Varsavia; Bibliotheca Hertziana-Istituto Max Planck per la Storia dell’arte, Roma.
Responsabile del progetto
Letizia Tedeschi
Coordinamento scientifico
Alessandra Pfister
Durata 2005-2009

Esiti

Relazioni a convegni
_ L. Tedeschi, Incontri romani di Vincenzo Brenna: 1767-1780, Convegno internazionale di studi Roma e la creazione di un patrimonio culturale europeo nella prima eta moderna: L’impatto degli agenti e dei corrispondenti di arte e architettura, organizzato dalla Bibliotheca Hertziana Max-Planck-Institut für Kunstgeschichte in collaborazione con il Forschungszentrum Europäische Aufklärung, Potsdam, Académie de France à Rome, Villa Medici-The British School at Rome, 13-16 ottobre 2005.
_ L. Tedeschi, Vincenzo Brenna e i disegni dall’Antico per Charles Townley, Convegno Internazionale di studi Roma Britannica: Art Patronage and Cultural Exchange in Eighteenth Century, The British School at Rome, 15-17 febbraio 2006.
_ L. Tedeschi, Roma 1779, sulle tracce di Stanislaw Kostka Potocki e Vincenzo Brenna, Giornate di Studi dedicate a Jan Potocki e Stanislaw Kostka Potocki, Accademia delle Scienze Polacca, Roma, 17-18 aprile 2007.

Pubblicazioni di saggi e articoli
_ L. Tedeschi, Vincenzo Brenna, in A. Cipriani, G.P. Consoli, S. Pasquali (a cura di), Contro il barocco. Apprendistato a Roma e pratica dell’architettura
civile in Italia 1780-1820, Roma 2007, pp. 405-419.
_ L. Tedeschi, Vincenzo Brenna i Ruiny Term Titusa [Vincenzo Brenna e le rovine delle Terme di Tito], in J. Guze (a cura di), Zloty Dom Nerona [La Domus Aurea di Nerone], Muzeum Narodowe w Warszawie, Varsavia 2008, pp. 45-64.
_ L. Tedeschi, La cultura architettonica e il culto dell’antico nella Roma del Settecento. Vincenzo Brenna, i suoi anni romani: 1741-1781, in P. Angelini, N. Navone, L. Tedeschi (a cura di), La cultura architettonica italiana in Russia da Caterina II a Alessandro I, atti del convegno internazionale (Ascona, Monte Verità, 7-8 aprile 2000 e Venezia, Fondazione Giorgio Cini, 20-21 aprile 2000-2001), Mendrisio 2008, pp. 401-450.
_ L. Tedeschi, “Il mio singolar piacere” in 18 missive di Vincenzo Brenna a Charles Townley e Stanislaw K. Potocki, ivi, pp. 451-494.
_ L. Tedeschi, Vincenzo Brenna, Decorazione del “Corridoio delle aquile” della Domus aurea, in V. Curzi, C. Brook (a cura di), Roma e l’Antico. Realtà e visione nel ‘700, Milano 2010, pp. 393-394.
_ L. Tedeschi, Vincenzo Brenna Copia di decorazione murale romana, ivi, p. 394.
_ L. Tedeschi, Vincenzo Brenna and his drawings from the antique for Charles Townley, in D.R. Marshall, S. Russell, K. Wolfe (a cura di), Roma Britannica. Art Patronage and Cultural Exchange in Eighteenth-Century Rome, London 2011, pp. 257-269.
Privacy Policy