Ricerche 1999

[ricerca]
La ricerca ha indagato gli scritti che Carlo Cattaneo ha dedicato alle ferrovie, con particolare attenzione ai temi (tecnici e scientifici, infrastrutturali, economici, sociali, politici e culturali) che nel corso dell’Ottocento hanno polarizzato il dibattito intorno alle trasversali alpine elvetiche.

Responsabile del progetto
Fabio Minazzi
Durata 1999-2001

[ricerca]
I.7 Fondo Vittoriano Viganò. 1954-1996 (con documenti fino al 1999)
La ricerca ha mirato alla ricostruzione dell’intera attività progettuale di Vittoriano Viganò (1919-1996), uno dei protagonisti dell’architettura milanese degli anni Sessanta e Settanta, di cui l’Archivio del Moderno conserva l’archivio professionale in deposito.

Partner: DPA, Dipartimento di Progettazione Architettonica, Politecnico di Milano.
Responsabili del progetto
Letizia Tedeschi e Bruno Reichlin
Durata1999-2006

[ricerca]
I.28 Fondo Storni Creazzo Tami. 1888-1956
I.4 Fondo Rino Tami. 1927-1994
I.48 Fondo Rino Tami - Case “Pro Familia”. 1949-1981
Muovendo dall’archivio professionale dell’architetto, conservato all’Archivio del Moderno, la ricerca ha ricostruito l’attività progettuale di Rino Tami (1908-1994), uno dei “pionieri” dell’architettura moderna in Ticino.

Responsabili del progetto
Letizia Tedeschi e Kenneth Frampton
Coordinamento scientifico
Riccardo Bergossi
Durata 1999-2005

[ricerca]
Per la prima volta si è ricostruito il corpus delle opere dell’architetto Carl Weidemeyer, attivo ad Ascona negli anni Trenta e figura del Movimento moderno svizzero. Dalla Germania alla Svizzera, da Brema ad Ascona, si sono rintracciati i termini di un fecondo dialogo tra cultura “regionale” e “globale”, tra Razionalismo e altre proposte fautrici, nei primi decenni del XX secolo, di un rinnovamento radicale dell’architettura.

Partner: Museo comunale d’arte moderna di Ascona
Responsabile del progetto
Letizia Tedeschi
Durata 1999-2001

[ricerca]
La ricerca ha indagato le ragioni dell’interesse rivolto ai ponti in legno svizzeri (e in particolare a quelli costruiti dai Grubenmann) da uno dei maggiori architetti europei tra Sette e Ottocento, John Soane (1753-1837), nonché le forme in cui tale interesse si manifestò, inquadrandolo nel contesto della cultura architettonica e tecnica coeve.

Partner: Sir John Soane’s Museum, Londra; Centro Internazionale di Studi di Architettura Andrea Palladio (CISA), Vicenza.
Responsabili del progetto
Angelo Maggi e Nicola Navone
Durata 1999-2002

Privacy Policy