5 1 37 DalMito2 400a cura di Nicola Navone, Letizia Tedeschi
24 x 28 cm, XXIV-936 pp.
306 ill. col. e 384 ill. b/n
2 volumi cartonati in cofanetto
italiano
Edizioni dell’Accademia di architettura
ISBN 8887624224
€ 160 / frs 240.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La più vasta, articolata e approfondita ricerca sulle fonti italiane del neoclassicismo russo, stile che dalla seconda metà del Settecento dà forma e identità a San Pietroburgo, facendola assurgere a moderna e “illuminata” capitale europea, ma che è rintracciabile anche a Mosca e nelle città del sud della Russia, dove svolge una funzione di rinnovamento architettonico e urbanistico.
L’opera, frutto della collaborazione tra studiosi occidentali e russi, offre una lettura innovativa (artistica ma anche sociale) di un periodo tra i più fecondi della storia russa, compreso tra l’ascesa al trono di Caterina II (1762) e la morte di suo nipote, lo zar Alessandro I (1825).

Sommario
Tomo primo
Letizia Tedeschi, Costruire è una cosa incantevole
Caterina, l’italia e l’antico Sergej O. Androsov, La società russa alla fine del Settecento e il nuovo gusto; Vittorio Strada, Un’altra Roma per l’impero; I luoghi e i sovrani (catalogo 1-12); Piervaleriano Angelini, Caterina II e la cultura dell’Antico; Christoph Frank, L’arte e l’architettura romane nella corrispondenza di Caterina II di Russia; Valerij G. Sevcenko, Il progetto di “casa all’antica” per Caterina II (catalogo 13-16); Valerij G. Sevcenko, Il progetto del Tempio dell’Immortalità di Louis-Jean Desprez (catalogo 17); L’Italia e l’antico (catalogo 18-49); Elena B. Ivanova, La Classe di architettura dell’Accademia di Belle Arti di San Pietroburgo nell’epoca del classicismo; Ekatarina A. Savinova, La raccolta dei modelli in sughero dell’Accademia di Belle Arti di San Pietroburgo (catalogo 50-51); Letizia Tedeschi, Roma, la “madre comune delle belle arti”, l’Italia, i pensionnaires russi e l’antico; Tommaso Manfredi, Roma Accademia d’Europa nel secondo Settecento; Rolando Bellini, L’antico, la unica e vera bellezza inverata in regole conoscibili; Galina B. Vasil’eva, Le Fantasie italiane di Thomas de Thomon (catalogo 52-57); L’Accademia imperiale di Belle Arti di San Pietroburgo e il viaggio formativo in Italia (catalogo 58-73) Idee e Teorie: modernità e retaggio rinascimentale Fabio Minazzi, Colloqui con Caterina II: sulla criticità illuminista e il suo valore; Maria Chiara Pesenti, La trattatistica architettonica nel dialogo fra culture: Russia e Italia; Giulio Lupo, La trattatistica architettonica e la costruzione neoclassica di San Pietroburgo; Olga A. Medvedkova, La prima edizione di Palladio in Russia; La trattatistica architettonica in Russia (catalogo 74-89) Architetture 1762-1825 Gianni Mezzanotte, La bâtissomanie di Caterina. Italianisti a San Pietroburgo e Mosca; Gianni Mezzanotte, Valerij K. Sujskij, Ivan E. Starov, Luigi Rusca: Palazzo di Tauride a San Pietroburgo (catalogo 90-103); Irene Giustina, Giacomo Quarenghi: Accademia delle Scienze a San Pietroburgo (catalogo 104-105); Irene Giustina, Giacomo Quarenghi: Palazzo Inglese a Peterhof (catalogo 106-108); Irene Giustina, Giacomo Quarenghi: Banca di Stato a San Pietroburgo (catalogo 109-113); Gianni Mezzanotte, Valerij K. Sujskij, Vincenzo Brenna: Castello Michajlovskij a San Pietroburgo (catalogo 114-128); Dmitrij O. Svidkovskij, Da Caterina II ad Alessandro I: la volontà dei sovrani e lo sviluppo dell’architettura russa all’epoca dei lumi; Valeria Farinati, Charles Cameron, Vincenzo Brenna: Palazzo di Pavlovsk (catalogo 129-142); Evgenij V. Korolev, La decorazione plastica per i prospetti del Palazzo di Pavlovsk; Dmitrij O. Svidkovskij, Charles Cameron: Padiglione d’Agata e Galleria Ionica a Carskoe Selo (catalogo 143-162).

Tomo secondo
Howard Burns, La città bianca: continuità e innovazione nell’architettura di San Pietroburgo, 1762-1825; Giulio Lupo, Nikolaj A. L’vov: Progetto per un edificio d’abitazioni a San Pietroburgo (catalogo 163-165); Irene Giustina, Giacomo Quarenghi: Botteghe del Gabinetto imperiale presso Palazzo Anickov a San Pietroburgo (catalogo 166-172); Olga B. Kirikova, Andrej N. Voronichin: Cattedrale di Nostra Signora di Kazan’ a San Pietroburgo (catalogo 173-176); Nicola Navone, Luigi Rusca: Caserme della Guardia a cavallo a San Pietroburgo (catalogo 177-180); Marija B. Michajlova, Carlo Rossi: Palazzo del granduca Michele a San Pietroburgo (catalogo 181-185); Nicola Navone, Carlo Rossi: Edificio dello Stato Maggiore a San Pietroburgo (catalogo 186-190); Marija B. Michajlova, Carlo Rossi: Teatro Aleksandrinskij e via del Teatro a San Pietroburgo (catalogo 191-194); Ekaterina A. Turova, Carskoe Selo come città ideale; Ugo Persi, L’architettura russa del Settecento in prospettiva modernista; Rosanna Casari, Mosca e Pietroburgo: la questione dell’identità e il dialogo culturale tra il XVIII e il XIX secolo; Julija G. Klimenko, Il sorgere delle idee neoclassiche nell’architettura e nell’urbanistica di Mosca; Julija G. Klimenko, Giacomo Quarenghi: Gostinyj dvor sulla via Il’inka a Mosca (catalogo 195); Julija G. Klimenko, Giacomo Quarenghi, Osip Bove: Verchnye torgovye rjady sulla piazza Rossa a Mosca (catalogo 196-197); Igor A. Bondarenko, La ricostruzione di Mosca dopo l’incendio del 1812 tra rinnovamento e conservazione; Julija G. Klimenko, Osip Bove: Teatro Bol’soj e piazza del Teatro a Mosca (catalogo 198-202); Alessandra Pfister, Domenico Gilardi tra l’Italia e la Mosca alessandrina; Alessandra Pfister, Matvej F. Kazakov, Domenico Gilardi: Università di Mosca (catalogo 203-204); Alessandra Pfister, Domenico Gilardi: Sede del Consiglio di tutela dell’Orfanotrofio imperiale a Mosca (catalogo 205-206); Alessandra Pfister, Domenico Gilardi: Progetto per la casa di Vera Esipova a Mosca (catalogo 207); Alessandra Pfister, Domenico Gilardi o Afanasij G. Grigor’ev: Progetto per villa urbana a Mosca (catalogo 208); Marija B. Michajlova, Le città meridionali dell’impero russo: il contributo degli architetti italiani Architetti e costruttori ticinesi nella Russia neoclassica Nicola Navone, Tra corte e cantiere: architetti e costruttori ticinesi nella Russia neoclassica; Nicola Navone, Antonio Adamini e l’elevazione della Colonna Alessandrina (catalogo 209-222); Marija V. Nikolaeva, Capomastri italiani e ticinesi e l’organizzazione dell’edilizia nella Russia di fine Settecento; Stefania Bianchi, Massimiliano Ferri, I luoghi natii delle maestranze ticinesi in Russia fra Sette e Ottocento; Tra corte e cantiere (catalogo 223-257) Tradizione italiana e innovazione classica nella decorazione degli interni Anna Maria Matteucci Armandi, Il trionfo dell’antico nella decorazione degli interni; Aleksej N. Guzanov, Pietro Gonzaga decoratore, scenografo e paesaggista a Pavlovsk; Galina B. Vasil’eva, Giovanni Battista Scotti decoratore a San Pietroburgo (catalogo 258-268); La decorazione degli interni (catalogo 269-307) Il mondo teatrale Anna Maria Matteucci Armandi, La musique des yeux. Fantasie in scena a corte; Federica Rossi, Il teatro all’antica come archetipo del moderno nella Russia del XVIII-XIX secolo; Irene Giustina, Giacomo Quarenghi: Teatro dell’Ermitage a San Pietroburgo (catalogo 308-313); Bozzetti scenografici (catalogo 314-336); Bibliografia.

Privacy Policy