Immagine per Fondo Luigi Snozzi
[fondo]
Il fondo Il fondo è costituito dalla documentazione prodotta dall’architetto Luigi Snozzi nel corso di un cinquantennio di attività professionale ed è rappresentata da elaborati grafici, documenti testuali, fotografie e modelli. Una parte significativa del fondo è testimone dell’attività didattica presso università svizzere ed italiane, con particolare riguardo agli anni in cui fu professore ordinario al Politecnico federale di Losanna (1985-1997) e, dal 1997, direttore del Seminario Internazionale di Progettazione di Monte Carasso. Punto di riferimento dell’architettura contemporanea ticinese e internazionale, Snozzi apre il suo primo studio nel 1958 a Locarno, per poi associarsi con Livio Vacchini (1962-1971) e, a Zurigo, con Bruno Jenni (1975-1988). Tra le sue opere più importanti si ricorda Casa Kalman a Brione sopra Minusio (1974-1976), Casa Cavalli a Verscio (1976-1978) e la riqualificazione del nucleo storico di Monte Carasso, messa in atto tramite numerosi progetti a partire dal 1979. La sua opera è stata oggetto di numerose esposizioni e pubblicazioni, e di prestigiosi riconoscimenti, fra i quali in Premio Meret Oppenheim (2018). Fanno parte del fondo una collezione di riviste di argomento architettonico e pannelli realizzati per mostre a lui dedicate.
Privacy Policy