Workflow legato al Fondo Ruchat-Roncati

processo di lavoro legato a Fondo I.51
  • [giornata di studio]
    Giornata di studio organizzata dall’Archivio del Moderno e dall’Accademia di architettura, Mendrisio, con la collaborazione di Do.co.mo.mo. Suisse.
    Mendrisio, Accademia di architettura, 14 ottobre 2009.

    Curatori: Franz Graf, Accademia di architettura, Mendrisio; Nicola Navone, Archivio del Moderno, Mendrisio; Bruno Reichlin, Accademia di architettura, Mendrisio.

    Seminario
    Interventi di: Valentin Bearth, Accademia di architettura, Mendrisio; Nicola Navone, Archivio del Moderno, Mendrisio; Bruno Reichlin, Accademia di architettura, Mendrisio; Christian Sumi, Accademia di architettura, Mendrisio; Franz Graf, Accademia di architettura, Mendrisio.

    Tavola rotonda
    Interventi di
    : Aurelio Galfetti, Accademia di architettura, Mendrisio; Flora Ruchat-Roncati, Politecnico Federale di Zurigo; Ivo Trümpy, Politecnico Federale di Zurigo; Decio Cavallini, vicesindaco di Bellinzona; Franz Graf, Accademia di architettura, Mendrisio; Edy Quaglia, Commissione beni culturali - Dipartimento del Territorio del Cantone Ticino; Bruno Reichlin, Accademia di architettura, Mendrisio; Martin Steinmann, Politecnico Federale di Losanna.
  • [giornata di studio]
    Giornata di Studio promossa dall’Archivio del Moderno, Mendrisio, dal Politecnico di Milano, Scuola di Architettura e Società, Dipartimento di Architettura e studi urbani e dall’Università IUAV di Venezia, scuola di dottorato.
    Politecnico di Milano, Scuola di Architettura e Società, 16 aprile 2013.

    Curatori: Carmen Andriani, Università degli Studi G. D’Annunzio Chieti-Pescara; Serena Maffioletti, Università IUAV di Venezia; Carlo Toson, Udine; Ilaria Valente, Politecnico di Milano.

    Interventi di: Ilaria Valente, Politecnico di Milano; Aurelio Galfetti, Accademia di architettura, Mendrisio; Mario Botta, Accademia di Architettura, Mendrisio; Ivo Trümpy, Riva San Vitale; Nicola Navone, Archivio del Moderno-Accademia di architettura, Mendrisio; Bruno Reichlin, Parigi; Rosario Pavia, Università degli Studi G. D’Annunzio, Chieti-Pescara; Gabriella Raggi, Roma; Daniel Modigliani, Roma; Carmen Andriani, Università degli Studi G. D’Annunzio Chieti-Pescara; Andrea Gubler, Zurigo; Luca Ortelli, École Politecnique Féderale de Lausanne; Carlo Toson, Udine; Pascal Sigrist, Zurigo; Sandra Giraudi, Lugano; Serena Maffioletti, Università IUAV, Venezia.
  • [ricerca]
    Muovendo da una ricognizione degli archivi pubblici e privati presenti nel Cantone Ticino, la ricerca ha consentito di tracciare un quadro generale degli archivi di architettura conservati nel Cantone.
     
    Partner:
    Archivio di Stato di Bellinzona; Archivio Diocesano di Lugano; Archivio Storico della Citta di Lugano; Archivio Storico della Citta di Locarno; Archivio Storico comunale di Mendrisio; Opera Svizzera dei Monumenti d’Arte di Bellinzona; Fondazione Archivi Architetti Ticinesi.
    Responsabile del progetto
    Letizia Tedeschi
    Durata 1997-1998
  • [fondo]
    Il fondo testimonia l’opera di Flora Ruchat-Roncati (1937-2012), attiva come architetto nel Cantone Ticino, a Roma e a Zurigo, e dal 1985 al 2005 professore ordinario di Progettazione al Politecnico Federale di Zurigo. Tra i principali protagonisti di quella feconda stagione che successivamente, e arbitrariamente, sarà posta sotto l’egida della cosiddetta “Scuola ticinese”, Flora Ruchat-Roncati ha interpretato la sua opera come una sorta di dialogo a più voci, sempre in equilibrio tra stanzialità e nomadismo, che la porterà a collaborare con diversi architetti, in luoghi e contesti diversi: da Aurelio Galfetti e Ivo Trümpy, con i quali inizia la propria attività professionale, a Tobias Ammann e Dolf Schnebli, con i quali fonda nel 1987, a Zurigo, lo studio SAR. Assume particolare rilevanza la sua opera di progettista di infrastrutture, condotta nel solco della tradizione inaugurata da Rino Tami e tradottasi nel disegno dei manufatti per l’autostrada Transjurane (1987-2002, con R. Salvi) e per la linea ferroviaria ad alta velocità NEAT (1992-2012).
  • 5 1 20 BagniBellinzona 400 tn[pubblicazione]
    a cura di Nicola Navone, Bruno Reichlin
    24 x 28 cm, 220 pp.
    387 ill. b/n e col.
    brossura, italiano
    Mendrisio Academy Press
    ISBN 9788836623013 - € 35 / frs 50.-
    buy now ok

    Esito di un concorso pubblico bandito nell’estate del 1967, il Bagno di Bellinzona di Aurelio Galfetti, Flora Ruchat-Roncati e Ivo Trümpy offre la prima manifestazione concreta di quella “architettura territoriale” che ha caratterizzato, dalla fine degli anni Sessanta sino agli sviluppi più recenti, l’architettura ticinese.


  • [mostra]
    a cura di Nicola Navone e Bruno Reichlin
    Mendrisio, Galleria dell’Accademia, 18 settembre-2 novembre 2009

    mostra promossa dall’Accademia di architettura e dall’Archivio del Moderno, Mendrisio, in collaborazione con Do.co.mo.mo Suisse.
  • [mostra]
    a cura di Nicola Navone e Bruno Reichlin
    Zurigo, ETH, Haupthalle, 30 aprile-20 maggio 2010.
  • [mostra]
    a cura di Nicola Navone e Bruno Reichlin
    Bellinzona, Castelgrande, Sala Arsenale, 14 aprile-19 giugno 2011
    .
  • [ricerca]
    12 Fondo Aurelio Galfetti. 1958-
    La ricerca si propone di indagare, da una pluralità di prospettive, l’architettura del XX secolo in Ticino, muovendo dalla scala territoriale per giungere sino al dettaglio costruttivo. Lo studio mira perciò a delineare lo sviluppo delle infrastrutture territoriali (strade, ferrovie, bonifiche, impianti idroelettrici), a riconoscere l’azione di vocazioni territoriali (come il turismo) o di politiche culturali (come l’edilizia scolastica negli anni Sessanta-Ottanta) che influirono in modo determinante sul territorio; sino a mettere a fuoco e situare criticamente opere, figure, filoni di ricerca, tendenze, in relazione alla cultura architettonica svizzera e internazionale.

    Responsabili del progetto
    Nicola Navone e Bruno Reichlin
    Durata 2003-2008

    Collaborazioni internazionali
    Si è sviluppata con l’Università IUAV di Venezia una collaborazione per il progetto Interazioni tra Italia e Svizzera nella cultura architettonica del secondo dopoguerra (avviato nel 2013 con l’invito di N. Navone all’Università IUAV come visiting professor).
Privacy Policy