[ricerca]
Lo studio si propone di portare alla luce la complessità insita nella nozione di “sintesi delle arti” quale si è venuta delineando in Europa e in America negli anni 1945-1968, per definirne i caratteri peculiari, gli ormeggi teorici, e per rintracciarne assonanze e differenze. Appena conclusa la Seconda guerra mondiale, architetti, artisti, operatori visuali attivi nelle più diverse forme d’arte e la stessa critica di riferimento, si fanno promotori di una nuova collaborazione che incide sul loro operare a livello di programmi, di pratiche, di contenuti e di linguaggi. La “sintesi delle arti” ha non poco occultato fenomeni, ricerche, esperimenti e manifestazioni che ne sono stati, ad un tempo, la premessa e il fondamento, e che possiamo designare comprensivamente con il termine “intertestualità”. Si tratta di relazioni intertestuali a tal punto connaturate alle strategie creative, alle consuetudini di pensiero e alle tecniche di lavoro delle diverse produzioni artistiche che gli addetti ai lavori faticano a riconoscere negli altri media e che temono addirittura di riconoscere, presi come sono da vertigini ontologiche.

Partner: Institute for Advanced Study, Princeton University; Istituto Svizzero di Roma; American Academy di Roma; Museo Cantonale d’Arte di Lugano.
Responsabili del progetto
Bruno Reichlin e Letizia Tedeschi
Durata 2012-

Esiti

Pubblicazione di saggi e articoli
_ L.Tedeschi, Modanature e sand-casting. L’incontro newyorkese di Le Corbusier e Nivola, in M. Talamona (a cura di), Le Corbusier e l’Italia 1907-1965, Milano 2012, pp. 313-329.
_ L.Tedeschi, Kunst und Architektur als Kontinuum, “Werk, Bauen und Wohnen”, 2013, n. 12, pp. 34-35.
_ A. Viati Navone, Partiture per altri spazi/Scores for other space, in T. Lotti Tramezzani, A. Beretta (a cura di), Adriana Beretta. Stanze e distanze, catalogo della mostra (Porza, Erich Lindenberg Art Foundation, 26 novembre 2017-29 aprile 2018), Lugano 2018.

Organizzazione del convegno
_ L’architettura e le arti 1945-1970. Paragoni e intertesti, convegno Internazionale di Studi, a cura di B. Reichlin e L. Tedeschi, I sessione, Roma, Istituto Svizzero e American Academy, 29-31 ottobre 2014.

Relazioni a convegni e conferenze
_ A. Viati Navone, Croisements entre architecture et arts dans l’Italie de l’après-guerre, conferenza al corso del Prof. F. Graf Laboratoire des techniques et de la sauvegarde de l’architecture moderne, Losanna, EPFL École polytechnique fédérale, 10 marzo 2014.
_ L. Tedeschi, A. Viati Navone, Le corps et l’esprit à l’œuvre. Autour du Monte Verità, conferenza, IV Festival de l’Histoire de l’art, organizzato dal Ministère de la Culture et de la Communication, Parigi e INHA Institut national d’histoire de l’art, Parigi, Fontainebleau, 1 giugno 2014.
_ A. Viati Navone, André Bloc et Gio Ponti. Comparaisons, intervento al seminario internazionale organizzato dall’École nationale superiéure d’architecture de Versailles, dallo IUAV di Venezia e dalla Fachhochschule di Magonza «Amate l’architettura». Actualité de l’architecture de Gio Ponti, Bolzano, 21-24 ottobre 2014.
_ B. Reichlin, Architettura e le arti: interferenze?, relazione al convegno internazionale di studi L’architettura e le arti 1945-1970. Paragoni e intertesti, I sessione, Roma, Istituto Svizzero e American Academy, 29-31 ottobre 2014.
_ L. Tedeschi, Necessità plastica come intertestualità: Le Corbusier e Costantino Nivola, relazione al convegno internazionale di studi L’architettura e le arti 1945-1970. Paragoni e intertesti, I sessione, Roma, Istituto Svizzero e American Academy, 29-31 ottobre 2014.
_ A. Viati Navone, «Una forma percettivamente instabile quanto salda». La Casa “La Scala” di Vittoriano Viganò per André Bloc, relazione al convegno internazionale di studi L’architettura e le arti 1945-1970. Paragoni e intertesti, I sessione, Roma, Istituto Svizzero e American Academy, 29-31 ottobre 2014.
_ A. Viati Navone, Interférences entre l’architecture et les arts. André Bloc et Gio Ponti, intervento al seminario di dottorato, École nationale supérieure d’architecture de Versailles, 19 dicembre 2014.
Privacy Policy